Perché è importante la Guida Sicura? Scopriamolo attraverso le storie di Mauro e Valerio che si sono realmente trovati faccia a faccia con i rischi della guida

Mauro e Valerio si sono trovati di fronte ad un pericolo mentre stavano guidano, salvandosi per istinto e soprattutto fortuna. Ma non sempre fortuna ed istinto possono aiutare. Leggi le loro esperienze.

Un conto è imparare a guidare un altro è saper reagire ai pericoli, lo si spiega sempre nei corsi di guida sicura ma lo si comprende veramente solo quando ci si ritrova davanti al pericolo. Leggi i racconti delle esperienze di Mauro e Valerio, due ragazzi si sono trovati in difficoltà mentre erano alla guida e si sono salvati per fortuna.

Mauro, 32 anni, Terni, Ford Ka 1.2 del 2008

”[...] stavo tornando a casa dopo un forte temporale, non avevo nessuna fretta quindi andavo relativamente piano, ad una curva mi sono accorto troppo tardi che c’erano parecchie foglie sulla strada la macchina ha iniziato a sbandare e con tutta probabilità ho girato troppo il volante provocando un tremendo testa coda. Per fortuna dall’altra parte della strada non arrivava nessuno”

Cosa è successo a Mauro?

L’auto ha perso aderenza ed è andata chiaramente in sovrasterzo.

Cosa avrebbe dovuto fare Mauro?

Probabilmente si poteva evitare mediante la tecnica del controsterzo, quindi bilanciando la sbandata dell'auto con delle piccole correzioni invece di compiere un’unica svolta esagerata in una sola direzione con il volante. Solo abituandosi a questa situazione è possibile reagire nel modo migliore possibile.

Valerio, 31 anni, Roma, Mercedes Class B 1.8 del 2007

”[...] mi stavo recando al lavoro in un giorno di forte pioggia, in rettilineo all’uscita di una galleria la macchina non reagisce più ai miei comandi. Ero in completo aquaplaning e davanti a me, per fortuna nella stessa direzione di marcia, avevo un camion. Sono riuscito a mantenere sangue freddo senza fare manovre strane, pensando che il male minore fosse proprio quello di andare a sbattere contro la parte posteriore del camion. Per fortuna dopo parecchi metri la macchina è tornata a prendere aderenza ed ho potuto evitare la collisione, anche se le mie gambe hanno impiegato minuti prima di smettere di tremare!”

Cosa è successo a Valerio?

Una chiara situazione di aquaplaning.

Cosa avrebbe dovuto fare Valerio?

Troppe volte quando la macchina inizia a perdere aderenza si inizia a reagire in modo sconsiderato peggiorando la situazione. Purtroppo con aquaplaning non si può far nulla bisogna aspettare che la macchina riprende aderenza possibilmente con le ruote dritte. In questo caso Valerio è stato salvato dal suo istinto e dalla fortuna, infatti se avesse iniziato a sterzare alla ripresa di aderenza la macchina avrebbe iniziato a girare come una trottola su se stessa.

Fortuna ed istinto non bastano, la sicurezza nasce dalla consapevolezza

La conoscenza delle tecniche di guida sicura è fondamentale per raggiungere una maggior consapevolezza dei pericoli e, soprattutto, di come prevenirli. Quando il pericolo si presenta è importante che la reazione sia quella corretta, e il più delle volte fortuna ed istinto non bastano a salvarti la vita. Per questo motivo esercitarsi e studiare queste situazioni consente di essere più pronti ad affrontare i pericoli mentre guidi.