Giubbotto Salvavita Catarifrangente: oltre il danno la beffa, sanzioni fino a €169 se non lo indossi

Il Codice della Strada impone a tutti di tenere a bordo del proprio mezzo una serie di strumenti ed accessori utili a tutelare la loro sicurezza e quella degli altri. Approfondiamone oggi uno in particolare: il giubbotto salvavita.

Tanti autisti con la macchina in avaria si sono trovati a dover pagare anche una multa di decine di euro, solo per non aver indossato un giubbetto del costo di pochi euro. Oltre il danno la beffa, come si dice, ma se non vuoi trovarti nella loro stessa situazione loro ti basterà leggere questo breve articolo.

I giubbotti salvavita catarifrangenti sono obbligatori ormai dal 2004 e devono essere indossati dai conducenti dei veicoli fermi sulla carreggiata, di notte e in condizioni di scarsa visibilità. Anche qualora, in caso di incidente o guasto con il proprio veicolo fermo sulla corsia di emergenza, ci si debba allontanare dal veicolo per posizionare il triangolo di segnalazione.

Di che tipo deve essere il giubbotto per rispettare il Codice?

Per essere considerato a norma il giubbetto – o le alternative bretelle retroriflettenti - deve rispettare l’art. 162 del CdS. Tradotto in termini più semplici, deve avere l’etichetta col marchio CE e la sigla UNI EN 471. Non importa dove lo compriate o il colore, l’importante è che sia presente quella etichetta.

Quando si deve utilizzare?

Il Giubbetto va sempre utilizzato dai conducenti con veicoli fermi sulla carreggiata, soprattutto di notte e nei casi in cui le circostanze di luce e visibilità possano non rendere il veicolo sufficientemente visibile. Va indossato anche quando ci si debba allontanare dal veicolo per posizionare il triangolo di segnalazione.

Quali sanzioni si rischiano non rispettando queste norme?

Il Codice prevede una sanzione amministrativa variabile tra i €41 ed i €169. Per il conducente sanzionato è inoltre prevista la decurtazione di 2 punti della patente.

Aldilà delle sanzioni, ti consigliamo comunque di rispettare le indicazioni espresse finora per tutelare te stesso e gli altri. Se hai domande su questa o altre tematiche legate alla sicurezza stradale puoi sempre contare su di noi, passa a trovarci in autoscuola per risolvere ogni dubbio!